SEI IN > VIVERE CITTà DI CASTELLO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Maturità a 90 anni, ora sogna la laurea

12' di lettura
82

La “nonna” della maturità che sogna anche la “laurea”. A novanta anni compiuti ha deciso di rimettersi a studiare giorno e notte per conseguire il diploma di maturità e coronare il sogno di una vita, quello di diventare una maestra, almeno sulla “carta”.

E’ senza dubbio straordinaria, vera, ricca di significati e valori da trasmettere alle giovani generazioni, la storia di, Imelda Starnini, classe ’33, che dopo aver spento lo scorso 3 febbraio ben novanta candeline sulla torta di compleanno, ha deciso senza battere ciglia di iscriversi come candidata “esterna” all’esame di maturità all’Istituto San Francesco di Sales (paritaria, scuola pubblica, unica in Europa, la cui fondazione risale al 1816) una volta conosciuto come la scuola “magistrale”, da qualche anno sede anche del Liceo ad indirizzo Socio-Psico-Pedagogico. Un polo scolastico nel centro storico di Città di Castello fra cattedrale, palazzo comunale e torre civica che per decenni ha formato maestre e maestri da sempre fiore all’occhiello della città. E proprio in quell’istituto, nel lungo corridoio al secondo piano che attraversa l’ingresso delle classi, questa mattina poco dopo le ore 8, come peraltro in tutte le scuole italiane, Imelda si è seduta in un banco a poca distanza dalla cattedra, per sostenere la prima prova scritta di “Italiano”, “maturanda” dell’esercito di 536 mila aspiranti a livello nazionale, di cui 7.507 umbri e circa 400 tifernati. Finalmente l’agognata campanella, il sogno di una vita, ha suonato anche per lei. Sei ore per svolgere una delle sette tracce proposte dal ministero: poi domani, giovedi 22 giugno sarà la volta della seconda prova scritta e a seguire la prossima settimana il colloquio finale prima del “verdetto”. “Senza sacrificio non si ottiene nulla nella vita ed a questa età ho deciso di rimettermi in gioco ed affrontare questo esame, un obiettivo che ho rincorso da sempre ma che per varie ragioni, familiari e di lavoro mi è sfuggito. Ora sono qui e grazie all’aiuto della mia famiglia inizio il percorso di prove, che spero, mi condurranno ad ottenere il diploma”, precisa con piglio e orgoglio “nonna” Imelda prima di iniziare a scrivere assieme agli altri maturandi, che potrebbero essere tutti suoi nipoti, con cui ha condiviso durante l’anno momenti di formazione e studio in comune. “Li abbraccio tutti questi bellissimi giovani che oggi qui con me ed in tutta Italia sono pronti a superare gli ostacoli degli esami: lo studio, il sapere e il desiderio di conoscere non hanno età ed io ne sono la dimostrazione. Bisogna crederci, così mi hanno insegnato i miei genitori. Avanti ragazzi ora non si scherza più”, conclude sorridente l’arzilla aspirante maestra di Citta’ di Castello da oggi simbolo dell’esercito di maturandi che pensa anche alla laurea: “perché no, nella vita nulla è impossibile basta volerlo e poi a me studiare piace molto”.

Una vera e propria “mascotte”, Imelda Starnini, classe ’33, di questa tornata estiva degli esami di maturità che segnano il ritorno alla normalità dopo i periodi bui e difficili segnati dal Covid con tutte le restrizioni connesse. Figlia di mamma, Veronica e papa' Giulio, “fabbro”, nata a Selci Umbro nel comune di San Giustino, seconda di quattro fratelli (Laura, Cecilia e Pietro) Imelda ha vissuto un'infanzia serena sia pur contraddistinta dalle difficoltà economiche del periodo. Ha frequentato la scuola elementare a Selci: racconta che furono anni difficili legati alla guerra dove le lezioni erano spesse interrotte dalla sirena delle Officine meccaniche “Nardi” (simbolo del comparto metalmeccanico) che segnalava i possibili bombardamenti. “Si correva a casa e spesso si doveva sfollare in campagna”. Molto legata alla figura dello zio Eligio Starnini, uomo colto e altruista, che si occupo', tra l'altro, della demolizione e ricostruzione dell'aereoporto San Egidio di Perugia, sindaco di San Giustino in un periodo dove c'era la miseria e la “tessera annonaria” che definiva quanta farina e generi alimentari si potevano avere al mese per ogni famiglia. Imelda racconta che Eligio spesso cedeva la propria parte alle mamme con tanti bambini. Lo zio, sposato con Rosina, non poteva avere figli e aveva preso a cuore la nipote, ragazzina educata e volenterosa, promettendole che appena la guerra fosse finita “ci avrebbe tirato fuori una maestra”: purtroppo lo zio morì improvvisamente all'età di 40 anni, infrangendo i sogni di Imelda. La zia Rosina, rimasta vedova, chiese alla mamma di Imelda di lasciare che la bambina andasse a vivere con lei. Imelda soffrì molto il distacco dai propri genitori e dai fratelli, ma per le situazioni economiche dell'epoca sembrava essere una buona soluzione anche per poterle offrire la possibilità di studiare. La zia Rosina, donna benestante, ma molto severa, non portò avanti i desideri dello zio Eligio, non la fece studiare per diventare maestra elementare, ma la iscrisse ad una scuola di taglio e cucito. Gli anni passavano, Imelda è sempre stata una ragazza curiosa e impegnata riuscendo a prendere la patente di guida tra le primissime donne di Italia e a Selci con la sua “Giardinetta Belvedere” era un supporto per tantissime persone, accompagnava spesso tutti quelli che avevano bisogno di muoversi fuori dal paese. Anche nel periodo della tubercolosi portava i figli a vedere i genitori nel sanatorio di Città di Castello, tanto che, fortunatamente in maniera non grave, anche lei contrasse la malattia. La casa della zia Rosina, che si occupava di amministrazione dei campi, era frequentata da gente di Selci, tra i quali il parroco, Don Marcello Mercatelli, che veniva spesso a richiedere lavoro per le persone più povere e bisognose. Don Marcello era un bel ragazzo, primo di 5 fratelli tutti maschi, che per le usanze dell'epoca dovette studiare in seminario e si consacro' sacerdote; colto e illuminato si occupò tra l'altro, della costruzione dell'asilo della banca del paese ed era amato da tutti. Imelda e Marcello si conoscono meglio e si innamorano, situazione sicuramente “non facile” da gestire per quell'epoca, non vista certo di buon occhio: ma non volendo rimanere “nascosti”, Don Marcello chiede al Papa Paolo VI la dispensa dei voti Sacerdotali e pur rimanendo profondamente religioso, riesce a sposare Imelda, dalla quale unione nascono due figli Luca e Sara e successivamente 3 nipoti ( Chiara, Samuele, Leonardo e un bisnipote Lorenzo). “Gli eventi della vita comunque non hanno permesso a Imelda di realizzare il suo desiderio e nonostante, nel 1978, già mamma di due bambini, ma con tanta voglia di studiare, conseguì il diploma di licenza della scuola media, ancora oggi ultranovantenne – precisa la figlia Sara - tutti i giorni racconta di essere tanto dispiaciuta per non essere diventata maestra, il suo sogno più grande, poi aggiunge con le lacrime agli occhi..."ora è troppo tardi”. Per tutto questo – conclude con le lacrime agli occhi Sara - abbiamo chiesto la possibilità al Professor, Simone Polchi, dirigente scolastico dell’Istituto San Francesco di Sales, di aiutarci ad esaudire questo desiderio della mamma. Ed oggi Imelda è in classe pronta a rincorrere il sogno di una vita”. Ed il dirigente scolastico ricorda bene quel momento.

“Quando Imelda si presentò da me, insieme a sua figlia Sara, all’inizio dell’anno scolastico 2022/2023 – dichiara il Dirigente Scolastico, Simone Polchi - capii subito che si trattava di una storia straordinaria e di un esempio per tutti i nostri ragazzi. Imelda, a 90 anni, ha avuto, per tutta la vita, il sogno di fare la maestra, un sogno che però la vita non le ha concesso di realizzare ma che lei è ancora qui a chiedere. Per tutta la sua vita ha desiderato fare l’Istituto Magistrale alle Salesiane che, oltre ad essere l’unico in Umbria fino al 1996, ha sempre rappresentato anche per l’Alta Valle del Tevere, il punto di partenza per tutte le ragazze che avessero voluto fare le maestre o le insegnanti nella vita. Quando, ad aprile 2023, abbiamo fatto le simulazioni dell’esame scritto, l’ho fatta venire e i ragazzi, diciannovenni e suoi compagni d’esame, si sono chiesti: ma è possibile avere questo desiderio a 90 anni? Ma, allora, il motivo per cui studio quale è? Tutti hanno compreso il messaggio chiaro: nella vita non è importante studiare per il diploma, è importante studiare per desiderare, è importante tenere la domanda aperta, essere curiosi, avere il gusto di imparare, di conoscere, avere un sogno grande anzi, direi, nella vita è importante desiderare l’impossibile. Questo è l’insegnamento più grande che Imelda lascia a me e a tutte le nuove generazioni”, conclude, Simone Polchi, prima di dare il via agli esami.

A tenere a battesimo una giornata davvero speciale per Imelda e per tutti gli studenti, anche le istituzioni locali, rappresentate dai sindaci di Citta’ di Castello e San Giustino, Luca Secondi e Paolo Fratini, attraverso gli assessori alle Politiche Scolastiche dei due comuni limitrofi, Letizia Guerri e Milena Crispoltoni. “Crediamo di poter dire che la storia di Imelda sia una sorta di “favola” che diventa finalmente, oggi, una bella realtà. Una testimonianza forte, foriera di notevoli e diversi significati per ognuno di noi, adulto, giovane o adolescente che sia. Per noi adulti, la tenacia di Imelda è un incoraggiamento a continuare ad apprendere, un “non è mai troppo tardi” come avrebbe detto il Maestro Manzi. Per i giovani, un input a non arrendersi, a non perdere le speranze, soprattutto in questi anni in cui, per motivazioni diverse, sempre più spesso purtroppo parliamo di drop out, abbandono e dispersione scolastica. In Europa siamo terzi dopo Spagna e Romania: che sia, quindi, la tenacia e la forza di volontà di Imelda un segno forte anche per le giovani generazioni a superare gli ostacoli e a saper considerare la scuola uno strumento fondamentale di crescita personale. Imelda, nata a Selci Umbro, Comune di San Giustino, residente a Cerbara, Comune di Città di Castello, è un po’ anche il simbolo di unione tra due Enti che, limitrofi, sono caratterizzati da rapporti di amicizia e volontà di andare insieme nell’ andare ad intercettare le esigenze dei cittadini e operare insieme per poter fornire le risposte più consone”, concludono Guerri e Crispoltoni.

SCHEDA ISTITUTO “SAN FRANCESCO DI SALES”

LA STORIA

L’Istituto nacque nel 1816 per iniziativa del vescovo tifernate Francesco Antonio Mondelli (1755-1825) che, per ovviare alla grave arretratezza culturale di Città di Castello affidò ad una piccola comunità di Suore Salesiane il delicato, quanto urgente, incarico di provvedere all’educazione e alla formazione di bambine e ragazze. A questo scopo chiede al Conventino di Firenze quattro giovani novizie che si formino e fondino una congregazione le “Oblate salesiane”, atte a cominciare l’opera in un primo tempo con la sola Scuola Elementare. Nel 1862 il Comune di Città di Castello chiese alle suore di farsi carico della gestione delle scuole comunali femminili. In tal senso “San Francesco di Sales” fu l’unica scuola della città che fino al 1913 provvide all’insegnamento elementare delle giovani tifernati. In quell’anno il Comune ottenne dalla competente autorità scolastica provinciale il permesso di aprire scuole proprie. Nel 1927 il Provveditore agli Studi di Perugia concesse la “parificazione” alle scuole delle Salesiane che dunque si affiancavano a quelle statali. Di qui anche l’esigenza di una sostanziale ristrutturazione ed ammodernamento dei locali scolastici nel corso degli anni ’30, fino all’inaugurazione dell’intera struttura nel 1937 alla presenza del Generale Badoglio. Già l’anno precedente nasceva nel plesso scolastico l’Istituto Magistrale, in sostituzione della preesistente “Scuola Civile di Cultura”, finalizzata a preparare agli esami di stato per il diploma di maestra. Nel 1939 fu infine legalmente riconosciuta anche la Scuola Media Inferiore. Nel 1965 viene aperta la Scuola Magistrale che prepara le insegnanti della scuola materna. E proprio nel 1968, su richiesta dei genitori dei bambini della scuola elementare, viene aperta la Scuola Materna, “autorizzata” dal Provveditore agli Studi di Perugia e collocata, come oggi, al piano terra del grande edificio ubicato nel centro storico. Le scuole create in origine per sole ragazze e bambine, nel corso degli anni ’70 sono state aperte anche ai ragazzi. al 1999 le Oblate Salesiane, rimaste in poche, si sono fuse alla congregazione delle “Figlie di San Francesco di Sales”, nativa della Romagna, per mantenere viva la scuola. Motore di questo passaggio è stata Sr Maria Tommasina Burattini deceduta il 20 agosto 2015. Dal 2002 la gestione della scuola è stata assunta dal gruppo Liberi di Educare, uno dei più grandi gruppi di scuole paritarie in Italia. Nel primo anno di gestione del gruppo Liberidieuducare è stato aperto il Nido per bambini dai 14 mesi e in questo modo l’Istituto San Francesco di Sales è diventata l’unica Scuola del centro Italia con tutti gli ordini scolastici Nido, Infanzia, Primaria, Medie e Superiori. In previsione dell’abolizione degli Istituti Magistrali, avvenuta nel 2001, l’Istituto Magistrale ha richiesto ed ottenuto nel 1996 la “Sperimentazione Brocca”, divenendo Liceo ad indirizzo Socio-Psico-Pedagogico; il corso di studi già quadriennale, è diventato quinquennale, rispondente alle esigenze di una cultura aggiornata e alla partecipazione consapevole dei giovani ad una vita sociale dai risvolti inediti e dai ritmi evolutivi molto sostenuti. Con la riforma Gelmini del settembre 2010 il corso di studi diventa quello del “Liceo Europeo” con i corsi di Economico Sociale e Scienze Umane. Nel 2016, in occasione dei 200 anni dalla fondazione della scuola, il duecentesimo è stato celebrato, tra gli altri, con due grandi eventi: una mostra presso i prestigiosi locali della Pinacoteca Comunale, rimasta aperta per 3 mesi, dal titolo “La libertà di educazione” di cui conserviamo oggi il Catalogo e l’incontro con Papa Francesco a Roma del 30 aprile 2016.

Per Vivere Città di Castello  è attivo il servizio di notizie in tempo reale anche su:   
Facebook | Telegram | WhatsApp | X (Twitter) | LinkedIn
Clicca e iscriviti!





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-06-2023 alle 10:55 sul giornale del 22 giugno 2023 - 82 letture






qrcode