SEI IN > VIVERE CITTà DI CASTELLO > CULTURA
comunicato stampa

"L'eco e il margine", sabato 24 giugno l'inaugurazione della mostra di Liliana Malta

2' di lettura
40

Sarà inaugurata sabato 24 giugno presso la Galleria Delle Arti di Luigi Amadei a Città di Castello la mostra personale di Liliana Malta dal titolo L'eco e il margine.

Con questa nuova importante mostra, l'artista calabrese presenta un nuovo ciclo di opere sul tema del Mito, inteso come persistenza di una memoria emozionale, capace di toccare le corde più profonde degli animi umani, i comportamenti e le azioni che incidono sulla realtà contemporanea. La mostra presenta 16 opere, alcune di grande formato, in gran parte realizzate nell'ultimo biennio, ma con un consistente nucleo di lavori precedenti, che permettono una conoscenza completa dell’artista e scandiscono l'adesione del linguaggio di Liliana Malta in un rapporto impulsivo e quasi fisico con l'universo mitico.

Dopo aver affrontato il mito di Orfeo e Euridice, Prometeo, Narciso e altri ancora, quello presentato alla Galleria Delle Arti di Luigi Amadei indaga il mito di Persefone sviscerando le alterne polarità di vita-morte e tenebre-luce. Per Francesco Gallo autore del testo di presentazione a corredo della mostra: “Orientarsi al mito, alle sue scaturigini, alle sue metamorfosi ai suoi esiti poetici, rituali, fantastici, vuol dire fare ponte, fare arco di tempo, evocare spazio, immaginare luci, ombre, effetti e misture, entrare in buie caverne ed elevarsi a fulgide luci, così con un tratto colore, con un segno evocato, con un gesto veloce, per cogliere oasi e leggende, oracoli eterni e segni di oggi.”

Liliana Malta, pittrice e scultrice, nasce a Maierato, in Calabria. Vive e lavora a Roma.

Il suo apprendistato d’artista, nella seconda metà degli anni 80, è nello studio di Nino Caruso, all’insegna della scultura e in particolare della terracotta. Per la sua formazione pittorica risulta determinante, nei primi anni ’90, l’incontro con Nicolas Carone, un protagonista della Scuola di New York e la frequentazione della International School of Art da lui fondata.

Espone dal 1988 in Italia e nel resto dell'Europa. Le sue opere sono presenti in collezioni pubbliche e private.

Dal 2014 collabora, in qualità di curatrice, al progetto Imago Mundi della Fondazione Benetton, costituendo le collezioni del Gabon, della Polonia, della Repubblica Ceca, della Slovacchia, di Mosca, di San Pietroburgo.

Le sue opere sono presenti in importanti collezioni e musei di tutto il mondo tra cui: Museum fur Kunsthandwerk di Francoforte Museo d’Arte Contemporanea- Suzzara (MN)

Collezione «Giardino Museo Giuseppe Mazzotti» – Albisola (SV) e Collezione Renault.

Tra le mostre più significative si ricordano:

2018 La lunga Eco (mostra itinerante)- Istituto Italiano di Cultura di Varsavia e di Cracovia

2006 Personale di Pittura - Frankfurter Westend Galerie, Francoforte

2003 43^ edizione del Premio Suzzara, premiata con acquisizione dell’opera

1989 Con Fuoco (mostra itinerante)- Museum Bellerive di Zurigo, Museum fur Kunsthandewerk di Francoforte, Hetjens Museum di Dusseldorf .

Per Vivere Città di Castello  è attivo il servizio di notizie in tempo reale anche su:   
Facebook | Telegram | WhatsApp | X (Twitter) | LinkedIn
Clicca e iscriviti!





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-06-2023 alle 13:36 sul giornale del 14 giugno 2023 - 40 letture






qrcode