SEI IN > VIVERE CITTà DI CASTELLO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Anna Morini, la “regina” del glutenfree su Instagram vuole portare un evento nazionale a Città di Castello (e le "castagnole" senza glutine)

6' di lettura
120

La “regina” del glutenfree pronta a dispensare ricette sul proprio profilo instagram seguito da migliaia di follower con tanti progetti in cucina ed un sogno nel cassetto: le “castagnole”, dolce simbolo del carnevale e della tradizione locale tifernate, rigorosamente senza glutine.

Anna Morini, “Anna GluenFree”, dalla lavagna della classe nella “primaria” di Trestina dove insegna la mattina, allo schermo del computer o smartphone per realizzare video ed inviare foto e notizie di ricette irresistibili capaci di trasformare ciò che per tanti è vietato a tavola, quasi d’incanto in un nuovo piatto, pietanza o dolce senza rischi per la salute. “Volevo far conoscere la mia storia perchè fosse in qualche modo utile ad altre persone, ecco com’è nata l’idea di @io­_speriamo_che_celiacavo sui social”, esordisce con orgoglio dichiarandosi celiaca da ormai 20 anni. “Mi era stata diagnosticata dopo una lunga serie di analisi perché ai tempi era una “malattia” rara e poco conosciuta. Ma io non mi sento malata, non mi ci sono mai sentita; l’opportunità di risolvere questa situazione solo con la dieta attenta e priva di glutine, rende noi celiaci in un certo senso fortunati, rispetto a patologia ben più gravi che implicano l’impiego di farmaci e terapie mirate.” La celiachia è una malattia infiammatoria permanente dell’intestino scatenata dal consumo di alimenti contenenti glutine per una predisposizione genetica. In Italia ad oggi si stima che riguardi l’1% della popolazione in prevalenza donne, ma le persone diagnosticate sono meno della metà. E’ un trend in crescita e la pratica dell’astensione dal consumo di glutine è molto diffusa. Le persone che ritengono di trarre beneficio eliminando dalla propria dieta questa proteina del grano sono sempre più numerose. In realtà la scelta di bandire un alimento dalla propria dieta dovrebbe essere prescritta da un professionista sulla base di una precisa diagnosi. “La mia diagnosi – prosegue Anna - è arrivata 20 anni fa, anni in cui era ancora poco conosciuta e non c’era sufficiente informazione a riguardo. Poche aziende nel settore (tre in tutto e sicuramente difficile adattarsi a dei sapori tanto diversi e aggiungerei “surrogati”), ristoranti e locali non attrezzati e soprattutto senza un’adeguata informazione e conoscenza del problema. Oggi, grazie anche ad AIC, associazione che tutela i diritti delle persone celiache, l’informazione è più diffusa, reperire prodotti confezionati e freschi sicuramente più facile e anche per quel che riguarda l’alimentazione fuori casa ci sono state importanti migliorie.”

“Cercavo un canale che mi permettesse di dialogare e confrontarmi con altre persone celiache come me, così mi è venuta l’idea di utilizzare i social. Ho aperto dapprima una pagina su Instagram, raccontando la mia storia, le mie esperienze, come me la “celiacavavo” fuori e dentro le mura domestiche. Ho postato le mie prime ricette, preparazioni semplici, ma d’effetto che tutti potessero rifare e si è iniziato a parlare di me in alcune radio a livello nazionale. Ho iniziato quindi a girarmi l’Italia e sono andata a scovare e conoscere personalmente le bakers del senza glutine; piccole realtà artigianali che offrono l’opportunità anche a noi di mangiare un croissant, piuttosto che un panettone o un pandoro per le feste, di acquistare pane fresco tutti i giorni, la pasta artigianale e poter festeggiare i compleanni dei bambini con una torta di pasticceria come si deve ! Ho creato così “Friends Bakers”, progetto che prevede la mappatura di tutti i forni e pasticcerie del senza glutine che operano sulla nostra penisola. Questo progetto ha avuto un grande riscontro e mi ha permesso di conoscere personaggi illustri del settore e di collaborare con loro (e il più delle volte cucinare nelle loro prestigiose cucine ); come ad esempio chef Marco Scaglione, un’autorità nel mondo della pasticceria, chef Giovanni Nerini ideatore del format “Polpetta” a Roma (che proprio di recente ha aperto un nuovissimo locale della sua catena interamente glutenfree), Luca Scinaldi, uno dei pizzaioli vincitori del Concorso Nazionale di Pizza DOC di quest’anno e altri ancora”. Ogni volta cerco di portare un po’ della mia Città di Castello, dei prodotti e della cultura del mio territorio. Nel frattempo sulle mie pagine continuo a dedicarmi alla preparazione di ricette che stanno avendo un grande riscontro anche da parte di un pubblico di persone non intolleranti, in cerca di idee originali, salutistiche, vegani. Ma ho molti progetti per questo 2023; intanto vorrei organizzare un nuovo evento glutenfree proprio nella mia Città di Castello come quello dello scorso novembre a Roma, il primo nel suo genere, che ha visto il sold out del locale che avevo scelto per l’occasione. Persone venute anche da fuori regione per conoscermi, conoscersi, stare insieme e mangiare del buon cibo … ovviamente senza glutine. Sto lavorando per creare qualcosa di ancora più ambizioso, che vedrà la mia città al centro di tutto; diciamo un fiera nazionale annuale, ma che non voglio spoilerare troppo… per il momento.

Proseguiranno le mie interviste ai personaggi famosi del mondo dello spettacolo e dello sport, per sensibilizzare le persone su questo tema. Oramai è nota la mia amicizia con il tik toker Mario De Lillo, personaggio tanto amato dai giovani per lo slogan “Arte povera”; Mario è anche lui celiaco e grazie alla nostra diretta, siamo riusciti ad arrivare ed informare tante persone su questo tema. Il mio desiderio è quello di riuscire a coinvolgere Daniele Bossari, che fra l’altro è molto legato a Città di Castello, e il rugbista Martin Castrogiovanni. Entrambi sono due figure tanto amate dal pubblico e le inviterò a raccontare anche le loro di esperienze. Infine ripartirò con i miei format; dopo il successo di “LIEVIT@G, ti lascio una ricetta” in collaborazione con Romana Glutenfree per la realizzazione di un ricettario importante, ricreerò una ricetta tipica di ogni regione, partendo proprio dalla sfida più grande; le “Castagnole” tifernate, ma in versione glutenfree !!! “Per riuscire in questa impresa – conclude Anna Morini - avrò bisogno di tanto incoraggiamento, quindi se volete seguirmi sui social la mia pagina è @io_speriamo_che_celiacavo sia su Instagram che su Facebook”.

Per Vivere Città di Castello  è attivo il servizio di notizie in tempo reale anche su:   
Facebook | Telegram | WhatsApp | X (Twitter) | LinkedIn
Clicca e iscriviti!





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-02-2023 alle 11:15 sul giornale del 06 febbraio 2023 - 120 letture






qrcode