Conferenza stampa di fine anno Regione Umbria: le attività dell'assessore Fioroni nel 2021

7' di lettura 23/12/2021 - Nel 2021 l’Assessorato allo Sviluppo Economico, Digitale, Innovazione e Semplificazione è stato costretto dalla pandemia di Covid-19 ad agire su un doppio binario. Da un lato con misure volte al sostegno delle imprese maggiormente colpite dalla crisi economica derivante dalla pandemia di Covid-19, dall’altro con misure volte a garantire piani di crescita delle imprese supportando investimenti, innovazione digitale e internazionalizzazione.

Misure di risposta all’emergenza COVID

In continuità con lo sforzo fatto nel 2020, con interventi di successo come la misura RE-START, nel 2021 è continuato lo sforzo dell’amministrazione regionale verso le categorie maggiormente colpite dall’emergenza sanitaria. In particolare, gli interventi più significativi sono stati:

  • Avviso Re commerce: 10,5 Milioni per sostenere il settore del commercio, dei servizi alla persona e delle palestre, fortemente colpiti a causa della pandemia e delle necessarie chiusure forzate.

  • Avviso Una Tantum Autonomi: 1500 euro ai lavoratori autonomi colpiti dalla crisi economica derivante dalla pandemia. Per la misura, realizzata insieme all’Assessorato al Bilancio e Programmazione, sono stati stanziati oltre 13,4 milioni di euro.

  • 1 Milone di euro destinato all’Avviso per la concessione di contributi a fondo perduto a favore delle imprese che operano nel settore dell’organizzazione di convegni e fiere e nel settore del commercio all’ingrosso di alimenti e bevande.

Misure per il rilancio dell’economia nel medio-lungo periodo

Il 2021 è stato caratterizzato da una serie di interventi estremamente innovativi rispetto al passato, volti a supportare le strategie delle imprese nel medio-lungo termine. Di particolare rilievo è stata la manovra dedicata agli investimenti, una manovra senza precedenti con un budget da circa 30 milioni di euro, che ha visto una partecipazione da record, con 470 imprese che hanno presentato domanda.

Entrando nello specifico dei vari interventi:

  • Manovra SMART ATTACK: manovra composta da 5 bandi differenti, indirizzati a progetti di investimento di taglia diversa e con un mix di interventi anche molto innovativi, come il finanziamento agevolato con parte a fondo perduto. Il focus della manovra sono stati gli investimenti in digital trasformation e in efficienza energetica, e gli avvisi realizzati, nello specifico, sono:

    • Bando SMALL: 4 milioni di euro per investimenti da 25.000 a 50.000 euro realizzati per la digital transformation. I beneficiari sono le micro e piccole imprese e il contributo previsto è un finanziamento agevolato, con remissione del debito del 40%.

    • Bando MEDIUM: 8 milioni di euro per investimenti in digitale realizzati dalle PMI con un taglio da 50.000 a 150.000 euro. Il contributo previsto è un finanziamento agevolato con un fondo perduto fino al 40% (35% in caso di realizzazione di investimenti digitali e ulteriore 5% in caso di aumento occupazionale). Il Bando era stato all’inizio finanziato per 4 milioni ed è stato oggetto di un celere rifinanziamento, dovuto ad una ampissima partecipazione delle imprese.

    • Bando LARGE: 10 milioni di euro, la cifra più alta mai stanziata per questa tipologia di bando, dedicati agli investimenti in beni produttivi e digital transformation da 150.000 a 1.500.000 euro. I beneficiari sono le PMI e il contributo erogato è a fondo perduto.

    • Bandi per le aree di crisi complessa Terni-Narni e area Ex-Merloni: 4 milioni di euro dedicati agli investimenti nelle aree di crisi complessa (Terni-Narni e Ex-Merloni) per investimenti in beni produttivi e in digital tranformation. I beneficiari sono le PMI e il contributo è a fondo perduto.

    • Bando energia: 3 milioni di euro di euro per PMI e grandi imprese, per la realizzazione di investimenti in efficienza energetica.

  • Manovra SMARTUP: iniziativa dedicata alle startup innovative, per il finanziamento di progetti all’avanguardia. Il programma, per cui sono stati stanziati 2 milioni di euro, è stato profondamente innovato rispetto al passato, prevedendo un’intensa attività di accompagnamento e formazione realizzata da Sviluppumbria con il supporto della Fondazione R&I del Sant’Anna di Pisa, un attore di riferimento nell’ecosistema dell’innovazione.

  • Progetto #RELOADUMBRIA: Sempre nell’ambito delle attività di supporto all’innovazione, la Regione e Sviluppumbria hanno realizzato il programma #ReloadUmbria, una Challenge rivolta ai giovani innovatori della regione, progetto di Open Innovation per promuovere le idee del nostro territorio. Un vero successo che ha raccolto 37 nuove idee innovative in sette settori strategici per l’economia umbra

  • Bando TRAVEL: la misura, pubblicata il 20 dicembre nel BUR, destina 3 milioni di euro per la realizzazione di progetti di internazionalizzazione integrati. Rispetto ai tradizionali bandi per export, la misura è stata profondamente innovata e prevederà, per la prima volta, la possibilità per i beneficiari dell’avviso di godere, oltre che di un contributo a fondo perduto del 40% o 50%, anche di un finanziamento agevolato erogato da Gepafin. Per la prima volta sono state introdotte molteplici spese per strategie digitali di penetrazione nei mercati esteri, per formazione del personale qualificato, nonché per consulenze specialistiche come l’export assessment.

In tema di internazionalizzazione, nel corso del 2021, l’assessorato ha inoltre prolungato i Bandi Fiere e i Bandi Voucher per i servizi consulenziali, per garantire alle imprese una maggiore flessibilità nella realizzazione delle loro attività, soprattutto in questo periodo di emergenza e limitazione agli spostamenti.

Mercato del Lavoro

Il 2021 è stato caratterizzato da una seria di interventi mirati all’efficientamento del mercato del lavoro, in modo da orientare le politiche di formazione verso le effettive esigenze del tessuto produttivo. La Regione Umbria ha dunque lavorato per ridurre il mismatch tra domanda ed offerta di lavoro e conseguentemente per ridurre la disoccupazione.

In particolare tra le principali innovazioni si annoverano:

  • Riforma della legge regionale n. 1 del 2018: Il 29 giugno l’Assemblea legislativa ha approvato la riforma della legge regionale n.1 del 14 febbraio 2018.

  • Avviso Upgrade: 3 Milioni per finanziare piani formativi volti a promuovere lo sviluppo delle competenze digitali

  • Avviso Re-work: 10 Milioni di euro a sostegno dell’occupazione con particolare riguardo ai NEET.

  • Istituzione dell’osservatorio sul mercato del lavoro: L’Osservatorio sarà la sede di analisi e confronto che seguirà le dinamiche del mercato del lavoro. Uno strumento di orientamento della formazione verso le esigenze del mercato.

Il Digitale nella Regione Umbria con Umbria Digitale

La Regione Umbria ha messo in campo nel corso del 2021 progettualità innovative, volte a porre al servizio dei cittadini e degli enti i migliori strumenti digitali. Nel 2021 l’Assessore Michele Fioroni ha ricevuto la nomina a Coordinatore della Commissione per l’Innovazione Tecnologica e la Digitalizzazione della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, nomina che ha contribuito anche allo sviluppo di soluzioni digitali innovative nella regione. Tra quelle di maggior rilievo si ricordano:

Open data: Pubblicazione di nuovi dataset di alto valore e progettazione della nuova Piattaforma Dati Umbria.

SanitApp: Realizzata la nuova App della Regione Umbria a disposizione dei cittadini per avere informazioni sui servizi sanitari.

DigiPASS: Nel corso del 2022 saranno inaugurate nuove sedi DigiPASS nel territorio, progetti elaborati e/o approvati nel corso del 2021. È iniziata inoltre la nuova progettazione per la fase 2 dei DigiPASS.

Fascicolo digitale del cittadino: Avviata la collaborazione con il Politecnico di Milano per la produzione di uno studio di fattibilità per la redazione di un modello utile alla creazione del fascicolo digitale del cittadino, un sistema nuovo ed innovativo che semplificherà notevolmente l’interazione tra enti e cittadini e imprese. Il modello sarà realizzato nel 2022. Piattaforma IO: Approvato lo schema di Accordo per l’adesione degli enti territoriali alla Piattaforma IO per l’attivazione delle notifiche in App IO.

Umbria Cloud: Avviato il percorso di ibridazione del DCRU per la realizzazione di un modello di Cloud ibrido.

Collaboration: Implementata la nuova Collaboration regionale Google, metodo di lavoro nuovo che semplifica notevolmente le modalità gestionali e operative dell’ente.

Infine, si sottolinea anche che, nel corso del 2022 sarà completato in Umbria il Piano Banda Ultra Larga. La regione Umbria sarà infatti tra le uniche 3 regioni a vedere connessi tutti i comuni del Piano entro il prossimo anno. Ad oggi risultano commerciabili 46 comuni in FTTH e 12 in FWA.

È attivo il servizio gratuito di notizie in tempo reale tramite i canali Telegram, così come sono disponibili anche le pagine Facebook:
li raggiungerete in un click tramite i link nella tabella sotto.

Regione Telegram Social
Umbria @vivereumbria Facebook
Città Telegram Social
Assisi @vivereassisi Facebook
Città di Castello @viverecittadicastello Facebook
Foligno @viverefoligno Facebook
Gubbio* @viveregubbio Facebook
Orvieto @vivereorvieto Facebook
Perugia @vivereperugia Facebook
Spoleto @viverespoleto Facebook
Terni @vivereterni Facebook

*Per Vivere Gubbio è attivo il servizio anche su WhatsApp (Info QUI): è sufficiente aggiungere il numero 376 0317898 alla propria rubrica e inviare un messaggio con scritto "Notizie ON" allo stesso numero.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-12-2021 alle 11:10 sul giornale del 24 dicembre 2021 - 105 letture

In questo articolo si parla di politica, gubbio, perugia, foligno, orvieto, città di castello, umbria, assisi, terni, spoleto, regione umbria, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cBze





logoEV
logoEV