Ciro Di Noia nuovo segretario generale Flaei Cisl Umbria: "PNRR e ambiente per uno sviluppo sostenibile della nostra regione"

6' di lettura 25/09/2021 - Ciro Di Noia è il nuovo segretario generale della Flaei Cisl Umbria. Ad eleggerlo, dopo l'intervento dell'uscente segretario Maurizio Ottaviani - al vertice della categoria umbra per oltre 11 anni -, il Direttivo regionale che si è riunito venerdì mattina (24 settembre 2021) ad Assisi.

Nel corso dei lavori, presieduto da Pierpaola Pietrantozzi (passato segretario generale Flaei Cisl Umbria e oggi nella presidenza nazionale dell'Adiconsum) sono stati eletti anche Lorenzo Rufinelli e Amleto Del Sorbo, come componenti di segreteria regionale.
Un cambiamento nel segno della continuità, condiviso con la Segreteria, con il Direttivo Regionale e con la stessa Segreteria Nazionale: a ribadirlo è stato l'uscente segretario Maurizio Ottaviani che, rivolgendosi ai presenti e facendo gli auguri di buon lavoro all'appena eletto segretario Ciro Di Noia e alla sua squadra, ha sottolineato: "Per me sono stati anni faticosi ma entusiasmanti, ricchi di momenti difficili ma anche di tante soddisfazioni. Abbiamo raggiunto importanti risultati a tutti i livelli nelle aziende del settore – ha precisato -, spesso riuscendo a trovare una linea unitaria con Filctem e Uiltec. Siamo il primo sindacato in Umbria del Settore Elettrico, siamo risultati la sigla più votata nelle elezioni degli Istituti Sociali di settore avute in questi anni". Per Maurizio Ottaviani tutto questo non sarebbe mai stato possibile se non ci fosse stato un grande lavoro di squadra, "che ha coinvolto tutti gli attivisti degli organismi Flaei e tutti gli amici delle nostre RSU e RSA. A tutti loro va il mio grande grazie: per la collaborazione che non mi hanno mai fatto mancare. Permettetemi – ha concluso - ancora un grande grazie a tutti i nostri iscritti per la fiducia e il sostegno che mi hanno, ci hanno, dato in questi undici lunghi anni. Loro sono la vera essenza della nostra organizzazione sindacale, senza di loro il sindacato non avrebbe ragione di esistere".

La storia di Ciro di Noia in casa Cisl inizia poco dopo la sua assunzione in Enel nel 1990. Nel 1991, infatti, è iniziato il suo impegno sindacale, supportato da un percorso formativo regionale e nazionale. Già nel 1999 è stato eletto per la prima volta nella segreteria regionale Flaei Cisl Umbria. A muovere la sua azione sono stati da sempre impegno e passione: questi gli ingredienti che Ciro Di Noia ha maturato strada facendo, partendo dalla base fino a raggiungere il vertice della categoria umbra, e che ha fatto emergere dalle sue emozionate parole al momento dell'elezione. Importante momento che è avvenuto alla presenza del segretario generale nazionale Flaei Cisl Amedeo Testa, del segretario generale regionale Cisl Reti Umbria Simona Garofano, del segretario generale Cisl Umbria Angelo Manzotti e del coordinatore per la Cisl dell'Area Sindacale Territoriale Foligno - Spoleto Bruno Mancinelli.

"Ringrazio Maurizio Ottaviani per il lavoro svolto in questi anni e la segreteria nazionale per averci supportato nella nostra azione sindacale – ha affermato il segretario Ciro Di Noia -. Azione che adesso si concentrerà anche sulle opportunità offerte dal Pnrr. Occasioni per tutte le aziende del nostro settore per quanto riguarda la cosiddetta transizione energetica, l'efficientamento e il potenziamento. Tali opportunità devono essere colte in primis da E-Distribuzioni, che è il gestore della rete in Umbria. Questi investimenti, quali, efficientamento e potenziamento delle reti da parte di Enel, rappresentano una grande occasione di rilancio e sviluppo per l'economia industriale regionale. Auspico - ha aggiunto il segretario - che le istituzioni sappiano cogliere queste possibilità. Come federazione, in sinergia con la Cisl, siamo pronti a fare la nostra parte. Una riflessione importante - sottolinea il segretario Di Noia - va fatta per gli impianti di Bastardo e Pietrafitta". Per quanto riguarda gli impianti umbri, quindi, Di Noia ha sottolineato come per Bastardo siano prioritarie la realizzazione di un piano sperimentale di ricerca legato alla produzione dell'idrogeno e le strategie che scaturiscono dal fotovoltaico e storage (sistemi di accumulo dell'energia elettrica). Per Pietrafitta, invece, lo sviluppo che ha descritto il segretario dovrà essere perseguito in chiave fotovoltaica e, più in generale, per mezzo dell'energia rinnovabile. "Nella transizione energentica - precisa Di Noia - gli impianti alimentati a gas avranno un ruolo strategico. Proprio in quest'ottica la centrale di Pietrafitta svolge un ruolo importante sia in termini di ottimizzazione che di incremento di capacità produttive. Alla Regione, quindi – ha aggiunto – chiediamo massima attenzione sulla decarbonizzazione e sugli investimenti legati al Pnrr". Partendo dalla questione della sempre più necessaria digitalizzazione e del periodo di grande cambiamento, anche nelle modalità comunicative, il segretario Di Noia ha chiuso l'assise regionale puntando l'attenzione sui giovani e sul loro ruolo in uno sviluppo sostenibile. "I giovani, più di chiunque altro – ha concluso -, hanno dimostrato di essere a loro agio nell'utilizzo delle tecnologie. Solo attraverso un dialogo costruttivo e intergerazionale sarà possibile far crescere ancora di più la nostra categoria, la nostra rappresentanza e la tutela dei nostri iscritti".

"Il Pnrr è lo strumento cardine per la ripresa nella nostra regione - afferma il segretario generale Cisl Umbria Angelo Manzotti - e il 70 per cento di queste risorse viene destinato a temi centrali quali sostenibilità, ambiente ed energia. L'auspicio è che questa attenzione, che inevitabilmente interessa anche le due centrali umbre, oltre a imprimere un cambio di passo alla nostra regione, dia ampio respiro anche a nuova occupazione. Solo attraverso il lavoro, quello stabile e di qualità, è possibile dare futuro ai nostri territori e ai giovani, che troppo spesso rinunciano a un progetto di famiglia, ad avere dei figli, a causa delle difficoltà che incontrano nell'accesso al mercato del lavoro. Questa rinuncia, oltre che ad essere inaccettabile sul piano umano, apre un grave problema demografico e quindi di sviluppo dei nostri territori".
A concludere i lavori è stato il segretario generale Flaei Cisl nazionale Amedeo Testa: "Ringrazio Maurizio Ottaviani per l'infaticabile attività svolta negli anni, che ha vissuto come una vera e propria missione, finalizzando la sua azione a vantaggio dei lavoratori e per la crescita della categoria. Oggi Ottaviani lascia all'Umbria una categoria sana. Faccio gli auguri di buon lavoro al nuovo segretario eletto, Ciro Di Noia, e alla sua squadra. Sin da ora sottolineo che, come in passato, non mancherà il necessario supporto da parte della segreteria nazionale".







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-09-2021 alle 10:49 sul giornale del 27 settembre 2021 - 124 letture

In questo articolo si parla di lavoro, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ck8t





logoEV
logoEV